1491 (1489). TUTTO CAMBIA

La causa de sti guai tiettelo a mmente,
Nun la guerra, nun z le staggione:
Tutto ne vi cch'er zecolo presente
Nun conossce ppi un cazzo riliggione.

Oggni quarvorta un Papa anticamente
Ussciva da Palazzo in carrozzone,
Se sentiveno turbini de ggente
D: "Ssanto Padre, la bbenedizzione."

Ma a sti tempi che cqua cchi sse ne cura?
Chi jje la chiede adesso? Tutt'assieme,
Quattro vecchi, e ss e nn cquarche ccratura.

Co ttutto questo, io noto la costanza
Der povero sant'omo, che sse spreme
A spacc ccrossce pe ssarv ll'usanza.

25 marzo 1835

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo