913 (912). LE RICCHEZZE PRISCIPITOSE

Me chiedi si ccom' cch'er terzo e 'r quarto
Ch'ereno ggi er ritratto der malanno,
M ccrompeno li titoli e tte vanno
In carrozz'a bbomm tutt'in un zarto:

Subbito, bbello mio, ch' ppi dd'un anno
Che mmonteno la scala de l'apparto,
Deven'sse saliti tant'in arto
Che nnun ze vedi ppi cquello che ffanno.

Er caporal'Andrea, ch' un artijjere,
Disce: "A la bbomma bbast'a ddjje foco,
E 'r resto va da s ccom'er dovere."

Pe nnun mut ffurtuna a ppoc'a ppoco,
Ma ddivent addrittura cavajjere,
Cqua nnun ze n'essce: o ffurti, o apparti, o ggioco.

Roma, 18 febbraio 1833

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti quella seguita da Roberto Vighi
(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).
La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo