698 (698). L'APPIGGIONANTI AMOROSI

S'io fussi ricco, e avessi case cuante
Finestre aveva er Duca Mondragone,
E vvolessi caccià un appiggionante
Che sse schifassi de pagà ppiggione;

Mica lavorerìa de scitazzione
Pe appiccicamme addosso er visscigante
D'un mozzorecchio e un giudisce cojjone,
Che ssò ccome ch'er boja e ll'ajjutante:

Invece der curzore co la frasca
Mannerìa 'n archidetto a l'abborrita
A ddì: "Scappate, ché la casa casca."

E ar momento averìa casa pulita:
Perché ll'omo nun stima antra bburrasca
Che cquella che lo cojje in de la vita.

Roma, 4 gennaio 1833                      Der medemo

Testo ipertestualizzato completo di liste e concordanze delle parole

La numerazione dei sonetti è quella seguita da Roberto Vighi

(Giuseppe Gioachino Belli Poesie Romanesche - Libreria dello Stato 1988-1993).

La numerazione tra parentesi fa riferimento all'edizione Vigolo